Gioco d’azzardo: l’Italia è uno dei Paesi dove si gioca di più

Italia quarta per spese in gioco d'azzardo

In un  mese gli italiani buttano circa un miliardo di euro in slot machine e videolottery. La ludopatia, però, non è un caso solo italiano. Negli scorsi mesi ha fatto sensazione una storia che viene dall’India. Un padre di famiglia ha perso la testa, arrivando al punto di giocarsi il figlio di 3 anni. E perdendolo. La vicenda è finita di fronte ai giudici che hanno emesso il seguente verdetto: l’uomo che aveva scommesso il proprio figlio ha dovuto effettuare 50 piegamenti addominali per poter riavere il proprio bimbo. Solo 25 flessioni invece per il rivale. Al di là del lieto fine, questa vicenda serve a far comprendere quanti rischi si corrono con l’azzardo.

Italia quarta al mondo per spesa

L’Italia è il quarto Paese al mondo per volume di gioco d’azzardo. E’ quanto emerge da una ricerca dell‘Economist. Il nostro Paese spende annualmente 23.9 miliardi di euro per giocare. Solo Stati Uniti (119 miliardi), Cina (76 miliardi) e Giappone (31,4) ci precedono. Va considerato, però, che tutti questi Paesi hanno popolazioni di gran lunga maggiori rispetto a noi. 

Diverso il caso se si analizzano i dati pro capite. Qui al primo posto troviamo gli Australiani con circa 1.000 dollari. A seguire ci sono gli abitanti di Singapore con 990 dollari. Terza posizione per i finlandesi con poco più di 600 dollari. Qui l’Italia è sesta con circa 430 dollari spesi ad abitante. 

Da notare che gli italiani prediligono slot machines e le lotterie. In questi giochi siamo secondi, rispettivamente, a Singapore e Australia. Insomma: il nostro è un Paese dove si prediligono i giochi tradizionali.

Troppe perdite

Il dato più preoccupante, però, è quello relativo alle perdite. Siamo il nono paese al mondo per perdite di denaro da parte dei giocatori adulti, nel gioco d’azzardo legale con 19 miliardi di dollari. Peggio di noi fanno solo Usa (116,9 miliardi di dollari), Cina (62,4 miliardi) e Giappone (24,1 miliardi). Il tutto con solo 4 casinò (ora ridotti a tre dopo il fallimento di quello di Campione d’Italia).  

Il gioco d’azzardo è, dunque, una vera e propria malattia per noi. Nell’ultimo anno sono stati 96 i miliardi spesi in questa attività. Un fenomeno sempre più dilagante che sembra non poter essere fermato, nonostante le misure presi da Governo e Regioni. 

 

 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *